News

Impianti Alta Temperatura, quali sensori installare in condizioni estreme di calore?

29/09/2020

Cos’hanno in comune impianti di essiccazione, termovalorizzatori, impianti di produzione di conglomerati bituminosi e fonderie? Il processo di movimentazione e stoccaggio di liquidi e polveri per la produzione, o derivanti dal trattamento delle materie prime, avviene ad alte temperature. Un’attività che richiede sicurezza e un sensore temperatura idoneo per condizioni estreme.

CAMLogic ha sviluppato diverse soluzioni nel campo della strumentazione di controllo applicabile anche in presenza di alte temperature. Di seguito, vi riportiamo 4 esempi concreti di installazione in ambienti Alta Temperatura.

1. Impianti di conglomerato bituminoso

Negli impianti di produzione di conglomerato bituminoso il mix di bitume, polvere, pietrisco e filler viene miscelato a 150-160 °C e poi mantenuto fluido a temperature elevate in attesa del trasporto verso il cantiere di stesa. Negli anni CAMLogic ha collaborato con realtà specializzate nella produzione e nella posa del cemento, come l’industria Ammann, proponendo in particolare due indicatori di livello rotativi. Il PFG05AT e il PFG57AT, infatti, sono una certezza in termini di misurazione e controllo perché entrambi sono certificati ATEX e in grado di resistere fino a 200 °C.

2. Impianti di estrusione ed essiccazione

Negli impianti di estrusione ed essiccazione l’esposizione della materia prima ad alte temperature consente di eliminarne l’umidità e di mantenere inalterate le caratteristiche chimico-fisiche del prodotto per un tempo maggiore.

Per rispondere a questi ritmi continuativi di produzione e conservazione si suggerisce l’installazione del modello rotativo PFG05ATFV, un sensore temperatura max 200 °C, certificato ATEX. La sua doppia flangia permette lo scarico della condensa causata dalla differenza termica tra interno ed esterno del silo, assicurando sempre una misurazione precisa.

scopri di più

3. Impianti di termovalorizzazione

Avere un prodotto affidabile, testato e personalizzabile è fondamentale soprattutto quando i parametri riguardanti l’ambiente di applicazione sono estremi e molto specifici, come nel caso degli impianti di termovalorizzazione.

La combustione dei rifiuti, infatti, può far raggiungere anche i 1000 °C e produce ceneri di scarto a circa 600 °C che rappresentano in peso il 25-30% del rifiuto in ingresso bruciato. Per questo motivo spesso gli strumenti per alta temperatura come il PFG05ATFHV60, indicatore rotativo max 600 °C, vengono installati nelle strutture degli inceneritori.

4. Impianti di fonderia

La sabbia utilizzata in fonderia costituisce l’anima degli stampi di fusione. Il suo recupero e stoccaggio richiedono anch’essi uno strumento per alta temperatura. Durante il processo produttivo, infatti, il materiale entra a contatto con fusioni ad oltre 1000 °C per poi essere raffreddata e venire nuovamente utilizzata. Il PFG05ATFHV progettato appositamente per resistere fino a 400°C trova spesso applicazione in questo tipo di impianti.

Industria del cemento, essiccatori, inceneritori e fonderie sono solo 4 settori di applicazione della gamma Alta Temperatura CAMLogic. Avere un prodotto affidabile, testato e personalizzabile è fondamentale soprattutto quando i parametri riguardanti l’ambiente di applicazione sono estremi e molto specifici. Scopri tutta la gamma di indicatori di livello per alte temperature.